Perimplantite e nuova riabilitazione mediante impianti zigomatici.

  • Home
  • -
  • I casi
  • -
  • Perimplantite e nuova riabilitazione mediante impianti zigomatici.

Dopo il fallimento degli impianti per perimplantite, il dr. Cesare Paoleschi ha restituito un nuovo sorriso fisso alla paziente grazie agli impianti zigomatici.

La situazione iniziale

Nel mese di giugno del 2020, la paziente, di soli 52 anni, si è presentata in visita dal dr. Cesare Paoleschi con forti dolori nell’arcata dentaria superiore dovuti ad una perimplantite, ossia un’infezione batterica che si era sviluppata intorno agli impianti dentali, messi in precedenza da un altro dentista.

La protesi, che era stata posizionata su una barra, non era più stabile per via del debole ancoraggio degli impianti all’osso causato dall’infezione. Questa condizione, oltre al fastidio e al dolore, impediva alla paziente di mangiare correttamente.

Dal punto di vista radiografico la situazione iniziale era quella rappresentata nell’immagine sottostante.

perimplantite

 

Panoramica eseguita durante la prima visita con il dottor Cesare

La prima fase del progetto di riabilitazione

Il primo step del progetto di riabilitazione, studiato in ogni minimo dettaglio dal dr. Cesare Paoleschi, è stato la rimozione degli impianti falliti e della barra sopra di essi agganciata. Un intervento che è stato effettuato con l’ausilio della sedazione cosciente per evitare di far sentire dolore alla paziente.

Nell’arcata inferiore, invece, sono stati estratti due denti non più idonei al nuovo progetto implanto-protesico e un impianto fallito.

La panoramica dopo la prima fase chirurgica è visibile nell’immagine sottostante.

panoramica dopo primo intervento

 

Panoramica post primo intervento

Con questa prima operazione è stato possibile far guarire l’intera arcata superiore dall’infezione e predisporla al nuovo intervento chirurgico programmato a distanza di circa sei mesi.

La riabilitazione mediante impianti zigomatici

A gennaio 2021, la paziente è stata sottoposta al secondo intervento per riabilitare, questa volta in modo definitivo, la sua arcata dentaria e restituirle un sorriso esteticamente gradevole ma soprattutto funzionale.

Il nuovo assetto implantare, studiato ed eseguito dal dr. Cesare Paoleschi tenendo conto la grave carenza di osso mascellare, è stato così composto:

  • inserimento di due impianti pterigoidei nelle estremità dell’arcata dentaria;
  • quattro impianti zigomatici inseriti direttamente negli zigomi (due per parte);
  • un impianto corto nella zona centrale.

impianti zigomatici

 

Panoramica post inserimento impianti dentali

Al termine della seduta chirurgica, il dr. Cesare, valutata la buona stabilità degli impianti, ha acconsentito al “caricamento” della nuova protesi dopo sole 48 ore. Con questo metodo, che tecnicamente chiamiamo “carico immediato”, è stato possibile ridare alla paziente, in tempi molto brevi, un nuovo sorriso fisso saldamente ancorato agli impianti.

Il dolore, l’imbarazzo di mostrare il proprio sorriso e le difficoltà nel mangiare sono adesso solo brutti ricordi per la nostra paziente.

Informazioni

Il dottor Cesare Paoleschi è laureato in odontoiatria e protesi dentaria ed è iscritto all’albo degli odontoiatri di Lucca al numero 3. Visita e opera presso i centri odontoiatrici Iris della Toscana e presso il suo studio professionale di La Spezia.

Gli interventi di riabilitazione di gravi atrofie mediante impianti zigomatici vengono eseguiti presso il centro chirurgico Iris di Viareggio (Direttore Sanitario D.ssa in medicina e Chirurgia S. Ganghini).

Richiedi maggiori informazioni direttamente al dr. Cesare Paoleschi compilando il form sottostante