Impianti Dentali Senza Osso: il caso clinico

  • Home
  • -
  • I casi
  • -
  • Impianti Dentali Senza Osso: il caso clinico

Si posso mettere impianti dentali senza osso ed avere un sorriso fisso? 

La risposta a questa domanda, che tante persone si fanno, è data in questo caso clinico di impianti dentali senza osso eseguito dal dr. Cesare Paoleschi, esperto di riabilitazione nei casi di grave atrofia.

La storia del caso clinico di impianti dentali senza osso

Situazione iniziale

Impianti dentali senza osso: questo è stato per diversi anni il dubbio del paziente, di 69 anni, che aveva una bocca con seri problemi estetici e funzionali. Il parere di molti dentisti a cui si era rivolto erano, infatti, stati negativi.

La sua bocca, in occasione della prima visita, si presentava in questo modo:

  • Nell’arcata superiore non aveva praticamente più denti e portava una protesi mobile, l’unica soluzione proposta da altri professionisti a causa della carenza di osso mascellare.

  • Nell’arcata inferiore c’erano undici denti residui in pessime condizioni e, quindi, non più recuperabili e idonei al nuovo progetto implanto-protesico.

Dopo anni di convivenza con la dentiera e relativi fastidi, il paziente ha deciso di sottoporsi ad una visita con il dr. Cesare Paoleschi che gli ha prospettato un progetto di riabilitazione totale con l’obiettivo di ridargli una nuova dentatura fissa funzionale ed esteticamente gradevole.

L’intervento chirurgico

Il paziente, dopo aver effettuato i controlli di routine, è stato sottoposto ad un unico intervento chirurgico, eseguito in anestesia generale dal dr. Cesare Paoleschi presso la sala operatoria del centro chirurgico Iris di Viareggio (Dir. San. D.ssa S. Ganghini).

Per prima cosa il dr. Cesare ha estratto i denti residui e successivamente ha inserito:

  • 4 impianti endossei e 1 impianto zigomatico nell’arcata superiore
  • 4 impianti endossei nell’arcata inferiore

Come è possibile notare dall’immagine, gli impianti sono stati collocati in modo da sfruttare al massimo l’osso residuo.

L’impianto zigomatico, inserito sul lato sinistro del volto del paziente (a destra guardando lo schermo), ha dato ulteriore stabilità a tutto l’assetto implantare. L’osso zigomatico, nel quale è stato inserito l’impianto di dimensioni più lunghe, è infatti molto resistente e consente un’ottima integrazione dell’impianto dentale.

Il nuovo sorriso fisso in pochi giorni

Al termine dell’intervento chirurgico, mediante una chiave dinamometrica, il dr. Cesare Paoleschi ha valutato la buona stabilità degli impianti dentali appena inseriti in entrambe le arcate ed ha, quindi, optato per la tecnica del carico immediato. Mediante questa metodica i pazienti possono avere i denti fissi nel giro di poche ore. (Leggi di più sul carico immediato all’interno dell’articolo “Carico Immediato: la guida completa” sul sito di Iris Compagnia Odontoiatrica)

Il paziente, dopo appena 48 ore, si è, infatti, recato presso il centro Iris di Firenze ed ha potuto avere subito la nuova protesi fissa saldamente ancorata agli impianti.

Informazioni e visite

paoleschi zigomaticiIl dr. Cesare Paoleschi ha esperienza nel campo dell’implantologia osteointegrata da oltre 30 anni. Da 10 anni esegue riabilitazioni mediante la metodica chirurgica degli impianti zigomatici. E’ laureato in odontoiatria e protesi dentaria ed è iscritto all’albo degli odontoiatri di Lucca al numero 3.

Visita e opera presso i centri odontoiatrici Iris della Toscana e della Liguria.

Richiedi maggiori informazioni direttamente al dr. Cesare Paoleschi compilando il form sottostante oppure chiama il numero verde 800198419